Giornale Online di EnoGastronomia

VENTENNALE DEL “MALEDETTO TOSCANO”

I primi venti anni di attività dello storico club nato in Toscana per promuovere la “toscanità”

123

Venti anni di Maledetto Toscano celebrati con una festa domenica 8 settembre, a Pienza (Si) per tutti gli appassionati dello Slow Smoke e del “bien vivre”. Protagonisti, oltre al “Toscano”, i tanti prodotti di eccellenza che in questi venti anni hanno accompagnato l’evoluzione del club.

Domenica 5 settembre 1999 – Domenica 8 settembre 2019: Venti anni di “fumata lenta”. Venti anni anni di riflessioni sulla letteratura, sulla musica, sulla cultura. Venti anni di promozione della “toscanità” e del Made in Italy del gusto e delle eccellenze, il tutto accompagnato da un grande prodotto riconosciuto per le proprie caratteristiche in tutto il mondo: il “Sigaro Toscano”. Si potrebbe riassumere così l’attività del Club “Maledetto Toscano”, il primo gruppo di appassionati che per pura passione venti anni fa ha deciso di promuovere il concetto dello “Slow Smoke” attraverso il sigaro.

«Sembra ieri, sono passati venti anni nei quali sono successe davvero molte cose intorno a questo prodotto e alla nostra passione – racconta il presidente del Club, Stefano Fanticelli – il risultato abbiamo pensato di metterlo insieme in questa giornata aperta a tutti in varie fasi del programma nella quale i protagonisti, oltre al Toscano naturalmente, saranno i tanti partner che ci hanno accompagnato in questo importante lasso di tempo durante il quale abbiamo cercato di raccontare la tradizione toscana prima di tutto, legata a un concetto di fare “slow”, così come pretende il sigaro per essere fumato». 

Venti anni fa nasceva Il Maledetto Toscano. Era il 1999 quando due amici Roberto Fanticelli e Aroldo Marconi lontano dai grossi centri, senza nessuno che contava alle spalle, distanti da quelli che  facevano tendenza, sparpagliati fra Montepulciano e Montecatini, fra due valli incantate (Valdichiana e Valdinievole), immersi nella profonda provincia toscana hanno lentamente costruito un piccolo quanto stabile punto di riferimento per gli appassionati del sigaro, coinvolgendo otto amici pionieri appassionati del buon vivere dando vita al Maledetto Toscano ,l’ispirazione del nome al club presa dal libro Maledetti Toscani di Curzio Malaparte che identificava a pieno l’ideale del club “Se è cosa difficile essere italiano, difficilissima cosa è l’esser toscano”. Il logo con il toscano per eccellenza Dante Alighieri che si fa accendere il sigaro da un diavolo, che sottolinea lo spirito di chi non si vuol prendere sul serio fino in fondo. Decidendo di non avere mai una sede fissa ma di girovagare per tutto il paese, cercando di trasmettere la nostra passione e conoscenza sempre con il sorriso e sigaro sulle labbra citando Monicelli si può capire più profondamente chi è voluto essere il Maledetto Toscano in questi anni.

Fonte: Ufficio Stampa

 

I commenti sono chiusi.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi