La Saccola Bianca esiste, ed è una scoperta di G.R.A.S.P.O.

4

La Saccola Bianca esiste, ed è una scoperta di G.R.A.S.P.O.  

La Lessinia  è una continua sorpresa. Crespadoro

La storica piantata di montagna

Tutto inizia con una telefonata, che ci segnala la presenza di alcuni vitigni che potrebbero essere interessanti. 

A fare da ponte l’intuizione, tutta al femminile, di Piera Carcereri che gestisce il negozio “La Dama”, dedicato ai piccoli vinificatori della zona. 

Si stabilisce il contatto telefonico e si fissa l’appuntamento per l’indomani, in contrada Menaspà di Crespadoro. 

La valle del Chiampo dove si trova Crespadoro è una valle ricca di acqua e grazie a questo, con il tempo si è sviluppata una ricca manifattura che in brevissimo tempo ha però spopolato la montagna. 

Quando arriviamo  ad attenderci c’è Giacomo con la moglie Luciana Catazzo, nata questa in contrada e la mamma di Luciana portava il cognome della contrada.

Dal basso Luigino Bertolazzi con Giacomo e Luciana

Giacomo è nato a Campofontana, Lessinia Veronese, che però dista solo qualche chilometro da qui. 

Il luogo è magico, il vigneto si caratterizza per essere una singolare piantata di montagna, su pendenze vertiginose e con tutore vivo l’Orniolo. 

I filari sono distanziati fra di loro di almeno dieci metri, con in mezzo muretti a secco, per diminuire l’erosione, intervallati da superfici coltivate a prato da foraggio. 

Non si tratta di piantata a pergola, la vegetazione è mantenuta sulla fila a parete, per poter lavorare più agevolmente su pendenze che sono del 50-60%. 

Osserviamo le viti le foglie e i grappoli in avanzata invaiatura, ci parlano di Saccola rossa e bianca, per la rossa siamo tranquilli sono anni che seguiamo alcuni vigneti in areali simili, per la bianca tanta attenzione. 

La Saccola Bianca.

La piantata nel suo insieme è stata  messa a dimora, almeno cento anni fa. 

Il papà di Luciana aveva trovato il vigneto cosi come l’ha lasciato alla figlia. 

Giacomo e la moglie Luciana ci fanno vedere il locale che usano come cantina, un ampio locale con il soffitto a volto in pietra locale. 

La casa ha un arredo semplice, essenziale, riproduce quello di quando a Crespadoro non si nuotava nell’oro. 

Distribuiti per la casa cestelli e panieri in vimini, fatti dal papà di Luciana durante i freddi e lunghi inverni in contrada Menaspà.

Giacomo ci indica le caratteristiche vegetative della Saccola

Il vino che ci viene offerto, possiamo definirlo ancestrale, ripete in tutto l’antico metodo usato, rottura dell’uva e fermentazione di tutto il pigiato con il raspo. 

Spremitura e uno o due travasi erano le pratiche  enologiche usate allora. 

Colore rosso rubino intenso, al naso il sottobosco addolcito dal profumo di mora e mirtillo, al gusto è snello con un tannino ancora vivo e pizzicante, una espressione della Saccola vicentina, interessante, da ricordare. 

Sono state le successive e puntuali analisi del DNA a confermarci, che per quanto riguarda la Saccola bianca, siamo in presenza di un vitigno sconosciuto. 

Sicuri di aver trovato due nuovi amici e un luogo ove la biodiversità è tutelata da almeno cento anni, con la promessa  di tornare presto,  salutiamo Luciana e Giacomo.

Il viaggio continua……

Aldo Lorenzoni e Luigino Bertolazzi

 

I commenti sono chiusi.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi