Diventare chef: ecco come avviarti alla professione

22

Sei appassionato di cucina e ami deliziare i tuoi ospiti con piatti sempre nuovi? Probabilmente avrai pensato almeno una volta nella tua vita di diventare cuoco. 

 

Iniziamo subito con una piccola puntualizzazione: nel campo della ristorazione gli chef più apprezzati non sono sempre quelli che hanno più qualifiche scolastiche. Infatti, si tratta di un settore dove la vera competenza si basa sulla tua capacità di deliziare il palato dei tuoi ospiti. 

 

Con questo non vogliamo dire che il classico percorso di studi per diventare chef sia inutile, ma solo che se non l’hai svolto, non è tutto perduto!

 

In questa guida andremo a vedere come diventare chef, con e senza il diploma di scuola alberghiera. 

 

Chi è lo chef e di cosa si occupa?

 

Chef Claudio Vicina – ristorante Casa Vicina

Prima di andare a scoprire nel dettaglio quale percorso puoi seguire per diventare chef, devi capire di cosa si occupa questa figura professionale. 

 

Ebbene, lo chef è quel professionista del mondo della ristorazione che è responsabile della cucina. 

 

In poche parole, possiamo affermare che lo chef è colui che sceglie come impostare il menù, le ricette, sorveglia attentamente l’esecuzione dei piatti e sceglie (e forma, ovviamente) il personale che dovrà supportarlo. 

 

Ma di cosa si occupa, nello specifico, uno chef? Possiamo riassumere le sue numerose mansioni sotto alcuni punti:

     Pianifica e dirige le preparazioni dei piatti

     Crea i menù, garantendo alti livelli di qualità nella composizione dei piatti

     Controlla la freschezza degli alimenti che arrivano al ristorante 

     Prepara i piatti

     Forma i cuochi sulle preparazioni e le ricette usate all’interno del ristorante

     Verifica che i piatti siano conformi agli standard prima di farli portare al cliente 

 

Come si diventa chef?

 

Se le mansioni delle quali si occupa uno chef ti sembrano nelle tue corde, puoi decidere di intraprendere la tua carriera in questo ambito. 

Qui le soluzioni sono due perché, come abbiamo anticipato, non saranno le sole qualifiche scolastiche che ti renderanno un grande chef, ma la tua esperienza e la capacità di deliziare il palato dei tuoi commensali. 

 

Come diventare chef con il percorso scolastico classico?

 

Se hai deciso di seguire il percorso classico, per diventare chef avrai bisogno della qualifica di Istituto Professionale Alberghiero. 

Infatti, dopo i primi tre anni di scuola superiore, avrai la possibilità di ottenere la qualifica come operatore di cucina e servizi di sala bar. 

 

Successivamente, nel corso del biennio successivo, potrai ottenere il diploma come Tecnico di Servizi di Ristorazione, che ti consentirà di accedere direttamente al mondo del lavoro. 

 

Come diventare chef senza diploma alberghiero?

 

Come abbiamo affermato in precedenza, il diploma di Istituto Professionale Alberghiero è spesso richiesto per diventare chef, ma non indispensabile. 

Per questo motivo, anche se il tuo percorso scolastico è stato differente, potrai comunque decidere di intraprendere la carriera di chef. 

 

Potrai scegliere di ottenere degli attestati che ti permetteranno di verificare la tua competenza e ti consentiranno, con il tempo di diventare chef. Facciamo riferimento a corsi relativi al settore culinario che, ovviamente, dovranno essere di alto livello. 

Infine, dovrai essere in possesso dell’attestato HACCP, che ti consente di poter lavorare a stretto contatto con gli alimenti.

 

Quanto guadagna uno chef?

 

Ora che hai scoperto quali sono i due percorsi che puoi intraprendere per diventare ufficialmente uno chef, è importante parlare di guadagno. 

 

Ovviamente non possiamo fornirti un’unica cifra perché lo stipendio che avrai dipenderà da diversi fattori, come l’esperienza o la tua tipologia contrattuale. 

 

In media, in Italia, uno chef guadagna circa 27.600 euro all’anno se ha un po’ di esperienza. Nelle posizioni entry level, invece, la RAL scende a 22.000€, per aumentare fino a 52.000€ per le posizioni con molta esperienza. 

 

Se vuoi informarti sui possibili vantaggi che potrai avere lavorando in Partita IVA, ti consigliamo di affidarti ad un commercialista, come il team di Fiscozen. Con loro riceverai una consulenza gratuita e senza impegno, dove potrai fare tutte le tue domande sull’apertura e la gestione della Partita IVA, come quelle relative all’utilizzo della CU o sul pagamento delle tasse. 

I commenti sono chiusi.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi