Una lunga e calda estate

16

Ci sono altre peculiarità che connotano questo afoso e quasi insopportabile periodo.

 

 

 A Sanremo in una gelateria è apparso un cartello che chiedeva di pagare 50 centesimi in più per chi usa il pos. 

Assolutamente fuori norma. E il bello è che uno dei due titolari dell’attività è commercialista….. 

Molti i post di persone da svariate località che si lamentano per i prezzi alti dei lettini, degli ombrelloni e del cibo che viene servito nei bagni. 

Conti molto salati che contrastano con gli alti ricavi degli stabilimenti. E in questa estate continua la querelle sulle concessioni demaniali marittime che il governo dimissionato ha deciso di non affrontare concedendo una proroga fino al 2023. 

 

Sono in tutto 26689 i concessionari delle spiagge italiane e versano annualmente una media di 115 milioni di euro di canone. 

Il volume dei loro affari ammonta a 15 miliardi. 21581 concessioni che rappresentano il 70 % del totale pagano circa 2500 euro all’anno, poco più di 200 euro mensili. 

 

 

E secondo l’Agenzia delle entrate due gestori su tre non dichiarano al fisco il dovuto. Le concessioni coprono in media oltre il 43 % dei tremila chilometri di coste italiane. 

 

In alcune regioni quali Emilia Romagna, Toscana e Marche la percentuale oscilla tra il 60 e il 70 %. 

In alcune località si arriva al 90 % come in Versilia e a Ostia per oltre 3 chilometri non si vede il mare…. 

Gli stabilimenti più costosi pagano canoni ridicoli al demanio. 

In Costa Smeralda la media è di 312 euro all’anno. I bagni più esclusivi a fronte di incassi milionari a fine stagione versano nelle casse dello stato poche migliaia di euro. 

È evidente che è necessaria una drastica revisione dei canoni e il controllo dei ricavi degli stabilimenti balneari. 

Affitti irrisori pagati per privatizzazioni di fatto del demanio pubblico che si tramandano da decenni. 

I gestori pretendono eventuali indennizzi in caso di aste europee dopo aver lucrato per anni e aver costruito strutture non autorizzate: solo il 29 % delle bellissime coste italiane è intatto. Una dolce e buona notizia per chiudere. 

Il miglior gelato del mondo è italiano. 

A Venezia il Maestro Gelataio Marco Venturino ha vinto il Gelato World Ranking Festival. Ha sbaragliato 5000 colleghi provenienti da tutto il mondo con il Liguretto e Bocca di Rosa, omaggi alla Liguria sua terra di nascita. 

Liguretto è realizzato con limoni della Riviera Ligure e basilico genovese DOP e Bocca di Rosa con cioccolato bianco e acqua di rose proveniente dal Parco dell’Antola il cui territorio è compreso nella città metropolitana di Genova.

Umberto Faedi 

I commenti sono chiusi.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi