Giornale Online di EnoGastronomia

L’ALTA CUCINA INFORMALE DEL RISTORANTE CONDIVIDERE PREMIATA CON LA STELLA MICHELIN

Il ristorante della Nuvola Lavazza – il nuovo Centro direzionale del Gruppo torinese - guidato dallo chef modenese Federico Zanasi, si aggiudica la prima stella Michelin

50

L’esperienza ‘compartida’ e informale del Condividere, il ristorante della Nuvola Lavazza – il nuovo Centro direzionale del Gruppo torinese – guidato dallo chef modenese Federico Zanasi, si aggiudica la prima stella Michelin grazie a una nuova filosofia del gusto ispirata alla condivisione informale dei piatti d’autore.

Il concept, fortemente sostenuto da Bob Noto e ispirato e studiato da Ferran Adrià, introduce un nuovo modo di vivere la convivialità a tavola, combinando la migliore tradizione gastronomica con la spontaneità che caratterizza il senso profondo dell’ospitalità italiana, unita alla suggestiva scenografia firmata dal premio Oscar Dante Ferretti.

“Sono molto orgoglioso di ricevere questo ambito riconoscimento a nome di tutta la squadra del Condividere. E’ un segnale di apprezzamento al lavoro che stiamo portando avanti quotidianamente da oltre un anno, dove la nostra idea di cucina, basata sull’esperienza “compartida” del cibo insegnataci dalla visione di Ferran Adrià che unisce preparazioni di alto livello gastronomico all’informalità del servizio e della mise en place”, commenta lo chef Federico Zanasi, “vede nel Condividere protagonista non solo il cibo ma anche e soprattutto il cliente che si sente al centro di un’esperienza gastronomica in modo nuovo e fuori dagli schemi classici”.

“Oggi celebriamo un nuovo importante capitolo del visionario e coraggioso progetto avviato con l’ideazione del Condividere che è parte integrante del contesto della nostra Nuvola a Torino. Condividere è la sintesi di molte suggestioni che partono dal gusto in ogni sua forma passando dal talento gastronomico di Federico Zanasi per arrivare al concetto di convivialità che è l’essenza anche della cucina piemontese e mediterranea.” racconta il Vice Presidente Giuseppe Lavazza. “Con Condividere si rende un omaggio alla gastronomia italiana, si ha un nuovo punto di riferimento nel nostro già ricco territorio recuperando anche la dimensione della comunità in un luogo informale e amichevole, dove anche il rito finale del caffè è protagonista dell’esperienza”.

“Condividere è uno spazio nato con l’ambizione di creare un nuovo luogo di incontro e di gusto nella Città di Torino, aperta alla sperimentazione, alla creazione e capace di accogliere le novità”, dichiara il Vice Presidente Marco Lavazza. “Un luogo che mette davanti a tutto la dimensione fondamentale della comunità, che si fonda proprio sulla condivisione. Uno spazio vivo per la nostra città in cui i torinesi, e non solo, possono riscoprire la propria storia regionale e nazionale, i sapori della tradizione e incontrare la ricchezza della cucina italiana in nuove forme. Conquistare questo riconoscimento è per noi motivo di grande orgoglio.”

L’alta cucina informale del Condividere è il frutto di un progetto di studio per esaltare l’eccellenza delle materie prime italiane in una chiave informale, gioiosa e contemporanea, che mette di buon umore ed è tutta da consumare in compagnia sullo stile delle tapas ma con un’impronta assolutamente italiana. Tutto nel Condividere – dal menu al servizio, dall’arredo fino alla scenografia – è pensato per mettere a proprio agio le persone e creare un clima accogliente, in cui la gente possa parlare e rilassarsi in compagnia, ritrovando l’atmosfera del tipico pranzo in famiglia della domenica. Un susseguirsi di piatti, che combinano la cucina d’autore e la tradizione strizzando sempre l’occhio al divertimento e alla sorpresa, da gustare in un ambiente urbano e colorato, in cui il tempo sembra quasi sospeso inna suggestiva fabbrica del caffè, in cui grandi orologi indicano i fusi orari dei Paesi di origine della materia prima. Nella filosofia unica del Condividere il buon cibo, messo al centro del tavolo, diventa massima espressione del potere socializzante che da sempre ricopre, offrendo un’esperienza irripetibile che va oltre il gusto.

 

 

Il Gruppo Lavazza
Lavazza, fondata a Torino nel 1895, è un’azienda italiana produttrice di caffè di proprietà dell’omonima famiglia da quattro generazioni. Fra i principali torrefattori mondiali, il Gruppo è oggi presente in oltre 140 Paesi attraverso consociate e distributori, con il 64% dei ricavi realizzato all’estero. Lavazza impiega complessivamente oltre 4 mila persone, con un fatturato di 1,87 miliardi di euro nel 2018. [Con il bilancio al 31/12/2018 il Gruppo Lavazza per la prima volta applica per le proprie rappresentazioni economico-patrimoniali consolidate i principi contabili internazionali IFRS].
Lavazza – già tra le prime 100 marche al mondo per reputazione secondo il Reputation Institute – è la nona azienda a livello globale per la Corporate Responsibility nella classifica 2019 Global CR RepTrak, posizionandosi prima nel settore Food & Beverage, oltre che tra le imprese italiane. Lavazza ha creato, proprio alle sue origini, il concetto di miscela, ovvero l’arte di combinare diverse tipologie e origini geografiche del caffè, caratteristica che ancora oggi contraddistingue la maggior parte dei suoi prodotti. L’azienda conta inoltre 30 anni di tradizione nel settore della produzione e della commercializzazione di sistemi e prodotti per il caffè porzionato, imponendosi come prima realtà italiana a lavorare sui sistemi a capsula espresso. Lavazza è presente in tutti i business: a casa, fuori casa e in ufficio, puntando sempre alla costante innovazione. Ad oggi Lavazza vanta un brand conosciuto in tutto il mondo, cresciuto grazie a importanti partnership perfettamente coerenti con la strategia di internazionalizzazione della marca: come quelle, nel mondo dello sport, con i tornei tennistici del Grande Slam e – nel campo dell’arte e della cultura – con prestigiosi Musei quali il Guggenheim di New York, l’Ermitage di San Pietroburgo e la National Gallery of Victoria di Melbourne.
Fanno parte del Gruppo Lavazza le aziende francesi Carte Noire ed ESP (acquisite rispettivamente nel 2016 e nel 2017), la danese Merrild (2015), la canadese Kicking Horse Coffee (2017), l’italiana Nims (2017) e il business dell’australiana Blue Pod Coffee Co. (2018). Alla fine del 2018, a seguito di acquisizione, è stata creata la Business Unit Lavazza Professional, che comprende i sistemi Flavia e Klix, attivi nel settore dell’Office Coffee Service (OCS) e del Vending.

Fonte: Ufficio stampa

I commenti sono chiusi.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi