FLASHBACK FOOD & DRINK

Flashback, la fiera più contemporanea di arte antica e moderna, giunge nel 2019 alla sua settima edizione e, per il primo anno, declina anche in chiave gastronomica.

164

Dal 31 ottobre al 3 novembre al Pala Alpitour di Torino, dalle 11 alle 20,  Flashback, la fiera più contemporanea di arte antica e moderna,  alla sua settima edizione e, per il primo anno,  anche in chiave gastronomica – con Flashback food & drink, in collaborazione con Affini.  Il tema della manifestazione: Gli Erranti, vagabondi nel tempo, nomadi per scelta alla continua ricerca della conoscenza.

Dal croissant frutto di un errore di lievitazione al più celebre Negroni Sbagliato fino a NERO, il primo Sake italiano, Affini @ Flashback è un viaggio tra gli incidenti fortuiti che hanno dato vita a piatti e cocktail iconici e tra i prodotti frutto della contaminazione fra culture e tradizioni differenti.

La nuova area food & drink di Flashback – curata quest’anno da AFFINI, brand legato alle due insegne torinesi di somministrazione AffiniRivendita1 e AffiniRivendita2 – si ispira al tema dell’edizione 2019 della fiera: l’errare inteso nell’accezione più ampia di vagare, vagabondare e aprirsi a nuove esperienze che diventano fonte di ispirazione per creare.
Errare è umano, si sa. E spesso proprio dagli errori sono scaturite scoperte che hanno cambiato la storia dell’uomo. Basti pensare all’America: Cristoforo Colombo era convinto di navigare verso l’India e si è ritrovato su un nuovo Continente.

Affini @Flashback è dunque un progetto dedicato ai (felici) errori in campo gastronomico, dalla cottura a bassa temperatura ai drink nati ‘sbagliati’ che hanno saputo connotare nuove culture. Il nuovo spazio, cucina aperta e social table, che accoglie gli erranti dell’arte (ma con prezzi pop e vista sulle opere), è curato da AFFINI ed è nato da un’idea di Davide Pinto, antropologo prestato all’imprenditoria enogastronomica.

“I visitatori di Flashback, oltre che tra le opere, potranno errare anche con il palato” spiega Davide: “Padre di tutti i cocktail erranti è il Negroni e la sua famosissima versione ‘sbagliata’ perché la modifica di una ricetta è sempre frutto di un errare dal duplice significato. Il Negroni Sbagliato porta insieme due visioni di questo errare: quella del viaggio – il conte Camillo Negroni irrobustisce il suo bitter al vermouth con un gin a seguito di un viaggio a Londra creando il Negroni – e quella dell’errore più o meno consapevole – il bartender Stocchetti confondendo una bottiglia di brut con una di gin inventa il Negroni Sbagliato, uno dei drink più bevuti al mondo”.

Ogni cocktail ideato da Michele Marzella, o calice di vino, ha il suo abbinamento naturale, suggerito dal menù che Affini @ Flashback propone. Ma il percorso culinario inizia molto prima dell’ora dell’aperitivo e lo Chef Nicolò Tealdi è pronto a tentare i visitatori già dalla colazione con un croissant che, anche se nato da un errore, non potrebbe essere più goloso: una ganascia al cioccolato aromatizzata al vermouth Hempatico – di produzione propria – a cui ha aggiunto il croissant cotto e sfogliato a mano per ottenere una consistenza più particolare all’interno della ganascia stessa. Non mancheranno vere e proprie chicche nate dall’errare viaggiando, come NERO, il primo Sake italiano al mondo che nasce dalla fusione tra la cultura nipponica e quella piemontese, sviluppatasi tra le risaie vercellesi e l’art mixology torinese.

L’art square di Flashback vive anche grazie ai tredici ragazzi dell’Istituto Professionale Statale Colombatto di Torino su cui Davide Pinto ha scommesso per un servizio fresco e ospitale.
“Dopo molti anni di collaborazione, considero Flashback come una famiglia: la nostra è una grande casa, in cui si riuniscono – senza soluzione di continuità –personalità, idee e stimoli culturali di ogni tipo. Insieme alle direttrici Stefania Poddighe e Ginevra Pucci, ci siamo rese conto che, per renderla più accogliente, non avremmo potuto trascurare uno dei luoghi di ritrovo e sperimentazione più caldi: la cucina.” – spiega Elisa Avataneo curatrice della sezione food & drink – “Costruire insieme a Davide Pinto questa nuova stanza è stata una scelta naturale: Flashback e Affini sono due eccellenze che non potevano non incontrarsi”.

AFFINI
Nato da un’idea dell’imprenditore Davide Pinto e del barman Michele Marzella, AFFINI è oggi un brand del Gruppo Food&Drink e riunisce attualmente due insegne di somministrazione con chiara vocazione per il foodpairing: Affini-Rivendita1, tapas bar e ristorante in San Salvario, e Affini-Rivendita 2 a Porta Palazzo naturale prosecuzione del primo esercizio, che ha aperto i battenti lo scorso maggio 2019 in Piazza della Repubblica. Executive Chef è Nicola Tealdi, mentre l’area mixology è affidata all’head barman Michele Marzella, di Affini Rivendita1 e Affini Rivendita2, in collaborazione con Martin Marchetti, bar manager di Affini Rivendita2. Del gruppo Food&Drink fanno parte anche i brand: Vermouth Anselmo, Taggiasco Gin, Hempatico e Nero Sake.

Fonte: Ufficio Stampa

I commenti sono chiusi.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi