Carlo Gaggioli è mancato, portabandiera del Pignoletto

Carlo Gaggioli è mancato, portabandiera del Pignoletto Questa mattina è arrivata come un fulmine a ciel sereno,

32

Carlo Gaggioli è mancato, portabandiera del Pignoletto

 

Carlo Gaggioli

Questa mattina è arrivata come un fulmine a ciel sereno, la triste notizia della morte del grande Carlo Gaggioli e pensare che martedì scorso era con noi a Bagnacavallo, dove difendeva il suo Rosso Bologna Benessum.
La figlia Letizia mentre ci siamo sentiti per le condoglianze, ci diceva che anche ieri era stato in giro per lavoro. Carlo Gaggioli è stato con Vallania i due promotori principali per la valorizzazione del territorio dei Colli Bolognesi e del vino Pignoletto.

Carlo Gaggioli è mancato

 

Un momento dell’intervista fatta il 28 Novembre

I Funerali si svolgeranno Giovedi 7 dicembre alle ore 10,00 nella cattedrale di Zola Predosa BO, dopo la cerimonia sarà sepolto a Montesa suo paese d’origine.

Dopo la laurea in veterinaria inizia a lavorare e far nascere vitelli, negli anni sessanta i colli erano in prevalenza allevamenti, poi con il passare del tempo sono cambiate le condizioni e prese la tenuta La Bagazzana, ancor oggi di proprietà della famiglia Gaggioli.

La nostra redazione si unisce al dolore della grande perdita di Carlo Gaggioli, da lui facevamo le degustazioni per la guida ilvinopertutti.it, cosi l’ultimo messaggio che mi ha mandato ieri dove ci ringraziava per la bella serata di Martedì scorso perchè gli avevo inviato il video con la sua intervista.

Poche settimane fa è mancato anche Umberto Faedi e chissà che lassù possano tornare a battibeccare.

I commenti sono chiusi.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi