CANTINE DI VERONA: BILANCIO IN CRESCITA PER IL GRUPPO SCALIGERO

36

L’anno sociale 2022-2023 si è chiuso positivamente per la realtà cooperativa che ha visto aumentare fatturato, conferimenti e quote liquidate ai soci

Cantine di Verona, il gruppo cooperativo nato nel 2021 dalla fusione di Cantina Valpantena, Cantina di Custoza e Cantina Colli Morenici, chiude il bilancio 2022-2023 con valori in crescita e soddisfacenti e un fatturato consolidato pari a 66.855.000 euro. I conferimenti complessivi sono aumentati del 18% e la liquidazione totale ai soci è cresciuta del 30% rispetto all’anno precedente.

I numeri del bilancio indicano inoltre una crescita nel volume di affari, nel risultato economico conseguito e nel patrimonio che arriva a posizionarsi così a 30.600.000 euro. Buona performance anche per i 10 wine shop aziendali che hanno leggermente aumentato i volumi di vendita, in un mercato vinicolo generale che vede un calo importante dei consumi.

“Siamo soddisfatti dei risultati dell’anno trascorso perché rappresentano i numeri più alti conseguiti dal nostro gruppo cooperativo, che acquisiscono ancora più importanza nell’attuale situazione del settore, complessa e caratterizzata da molteplici sfide – dichiara il Presidente di Cantine di Verona Luigi Turco – I traguardi raggiunti testimoniano ancora una volta che il nostro costante impegno nella ricerca di eccellenza e qualità ci sta premiando”.

Dal punto di vista degli investimenti Cantine di Verona ha quasi portato a termine il piano predisposto al momento della fusione, che comprendeva la creazione di una nuova linea di imbottigliamento, di una batteria di autoclavi per la produzione dei vini spumanti e frizzanti, l’ampliamento della struttura dei sistemi di refrigerazione e l’installazione di pannelli fotovoltaici nella sede di Quinto di Valpantena.

Per il futuro diversi i progetti in cantiere volti ad aumentare la coesione all’interno del gruppo. “Nel 2024 – prosegue Turco – installeremo il nuovo impianto fotovoltaico previsto a Custoza, che ha avuto dei ritardi a causa di impedimenti burocratici. Siamo inoltre attualmente impegnati nell’implementazione di un nuovo gestionale e in un progetto riorganizzativo, al fine di ottenere un maggiore efficientamento degli asset aziendali e di valorizzare al meglio le risorse interne”.

 

I commenti sono chiusi.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi