Giornale Online di EnoGastronomia

ASSAGGI DI CULTURA FIAMMINGA…A OCCHI CHIUSI!

Viaggio attraverso il valore simbolico del cibo nell’arte di Van Eyck .

52

Esplorare la tradizione culinaria fiamminga attraverso tracce vocali? E’ la sfida del podcast “Jan van Eyck è stato qui” ideato da Visitflanders e Piano P e disponibile gratuitamente su Spreaker.

La voce narrante si alterna a quella del pittore, di sua moglie o di esperti contemporanei per raccontare le Fiandre di ieri e di oggi in modo divertente, adatto a tutti. 6 episodi di 20 minuti per scoprire ad esempio il valore simbolico del cibo nei quadri di Jan van Eyck. Come le 4 arance del Coniugi Arnolfini (1434) piuttosto rare nelle Fiandre e dunque indicative del benessere della coppia di mercanti di origini lucchesi ritratti nella loro casa fiamminga. Al contrario in altri passaggi della virtuale esplorazione gastronomica scopriamo che le ostriche erano considerate un cibo povero, visto che abbondavano nel Mare del Nord.

Pittore già famoso in vita ma anche viaggiatore (al punto da essere considerato una specie di James Bond del suo tempo), botanico, erudito con il gusto per la provocazione Van Eyck esprime il suo genio anche attraverso gli oggetti, i frutti o i piatti che sceglie di inserire nei suoi quadri.

Insieme a lui e alle altre voci, alternando passato e presente, possiamo…ascoltare l’intenso aroma del cioccolato, la fragranza dei waffle, l’effervescenza delle birre artigianali e perfino il sobbollire del ‘waterzooi’: il tipico stufato di pesce o pollo con salsa vellutata di verdure, uova, burro e spezie…
Sono molte le specialità della tradizione fiamminga da scoprire – per ora dal nostro divano – sapendo che le Fiandre vantano la maggiore densità di ristoranti gourmet al mondo (ben 97 locali stellati Michelin).

i
Visitflanders e Van Eyck
Nell’ambito del ciclo triennale ispirato ai Maestri Fiamminghi il 2020 è per Visitflanders l’anno dedicato a Jan van Eyck (Maaseik 1390-Bruges 1441). Considerato il capostipite della pittura nei Paesi Bassi nel Quattrocento nonché maggior pittore nord europeo del suo tempo di lui sono noti solo 23 capolavori conservati nei principali musei di tutto il mondo. La spettacolare mostra “Van Eyck. An Optical Revolution” inaugurata a Gennaio 2020 a Gent si è chiusa anticipatamente causa Covid-19, ma il programma prosegue e nel 2021 i riflettori saranno nuovamente puntati sul Polittico dell’Agnello Mistico e sulla Cattedrale di San Bavone, con l’apertura del Centro Visitatori dedicato all’opera.

Fonte: Ufficio Stampa

 

I commenti sono chiusi.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi