Giornale Online di EnoGastronomia

EHMA ITALIA PROMUOVE L’ALTA FORMAZIONE ALBERGHIERA AL SUD

Nell’ambito di Hospitality Sud, la sezione italiana dell’European Hotel Managers Association presenta il 26 febbraio alle 15 un panel dal titolo “Competenze e managerialità per lo sviluppo dell’hotellerie nel Mezzogiorno”

175

 

Alcuni elementi hanno caratterizzato il mercato alberghiero negli ultimi tre anni: la crescita sempre maggiore di investimenti nel settore immobiliare, con Milano in testa, il passaggio di interi gruppi a catene internazionali ed il forte aumento del numero degli alberghi a 4 e 5 stelle. Anche in questo settore, al Sud viene dedicata poca attenzione da parte degli operatori, anche se il “fenomeno Matera” e l’aumento dei turisti a Napoli hanno dimostrato che si può avere successo con una strategia adeguata. In questo scenario, EHMA Italia ha individuato la necessità di contribuire alla crescita della professionalità – uno dei suoi obiettivi istituzionali – ed ha implementato una serie di iniziative a tutto campo. La partecipazione ad Hospitality Sud rientra quindi in questo disegno e culmina nell’organizzazione di un panel focalizzato sulle competenze e sulla managerialità, fondamentali per lo sviluppo dell’hotellerie nel Mezzogiorno. La tavola rotonda è organizzata da Palmiro Noschese, Hotelier & Developer, Capogruppo del Comitato Rapporti con le Istituzioni di EHMA Italia, con la partecipazione di alcuni soci General Manager di prestigiosi hotel ed il supporto di Ezio A. Indiani, Presidente Europeo e Delegato Nazionale Italia, GM dell’Hotel Principe di Savoia di Milano.

La certificazione per gli hotel manager
Il direttore d’albergo è infatti una figura manageriale di altissimo livello, il cui profilo non rientra però tra le professioni organizzate in albi e ruoli. Il Comitato Rapporti con le Istituzioni di EHMA Italia, guidato da Palmiro Noschese, ha sviluppato un processo di certificazione che codifica a livello europeo le conoscenze, capacità e competenze indispensabili per un direttore d’albergo, al fine di svolgere ogni singola attività in modo efficiente ed efficace. Si tratta di un’attestazione di professionalità fondamentale, rilasciata da un ente terzo, che rappresenta un vantaggio per tutti gli stakeholder: per i direttori d’albergo, che così vedono finalmente riconosciuto ufficialmente il proprio ruolo; per i clienti, che possono contare su un elemento di giudizio in più in fase di scelta; e soprattutto per proprietari e investitori, che in questo modo possono fare affidamento su manager riconosciuti a livello internazionale.

Il progetto “Mentor Me”
Il Comitato Innovazioni, guidato da Roberto Cappelletto, GM Villa Cortine Palace Hotel di Sirmione, sta ultimando il 3° ciclo del programma “Mentor Me”. Il progetto formativo prevede la presenza di un mentore, professionista esperto socio EHMA, che interagisce con un “mentee” – una persona con meno esperienza – per farne progredire la carriera ed ampliarne il network.

La collaborazione con la Luiss Business School
Nell’ambito della nuova collaborazione con la Luiss Business School di Roma, EHMA partecipa al nuovo “Programme for Executives in International Hotel Management”, che parte a febbraio 2020, rivolto a professionisti e manager del settore alberghiero che desiderano sviluppare al meglio la strategia, l’organizzazione e la gestione aziendali.

Identikit dell’Ehma
EHMA – European Hotel Managers Association è stata fondata a Roma nel 1974 da alcuni “executives” dell’industria alberghiera di indiscussa etica professionale con il desiderio di mantenere ed incrementare l’immagine del patrimonio alberghiero. È composta da dirigenti di alberghi di alto livello che tendono costantemente al miglioramento della loro professionalità e di quella del loro personale, al fine di mantenere, perfezionare ed innovare i servizi da offrire alla loro clientela. Attualmente l’Associazione conta circa 400 soci rappresentanti 29 paesi europei di cui circa 300 sono Direttori Generali di alberghi di lusso. In cifre, questo rappresenta ca. 300 alberghi, 85.000 camere e 65.000 dipendenti.

Fonte: Ufficio Stampa

 

 

 

I commenti sono chiusi.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi